Detrazioni fiscali e famiglie

«Quattro chiacchiere in famiglia» – Le detrazioni fiscali e la famiglia

La famiglia è sempre l’ultima ruota del carro in Italia, nonostante sia un investimento sul futuro. Ne conseguono anche una politica fiscale complessa e poco lineare, che non aiutano – per esempio – il sostegno di chi assume regolarmente colf, badanti e babysitter.

Nel frattempo, siamo in tempo di dichiarazione dei redditi. Ricordiamo che i datori con lavoratori domestici alle proprie dipendenze possono dedurre dal proprio reddito i contributi a loro carico per un importo massimo di 1.549,36 euro all’anno. Nel caso, al commercialista, vanno consegnate le ricevute dei versamenti trimestrali all’Inps e i moduli del “pagoPa”.

Inoltre, per gli addetti all’assistenza di persone non autosufficienti, il datore di lavoro con reddito complessivo inferiore a 40mila euro può detrarre dall’imposta lorda il 19% delle spese sostenute, per un importo massimo di 2.100 euro all’anno. La detrazione spetta al soggetto non autosufficiente o ai familiari che affrontano la spesa; viene richiesto il certificato medico che attesti la condizione di non autosufficienza, da esibire a richiesta dell’amministrazione finanziaria, e le ricevute delle retribuzioni erogate, firmate dall’assistente familiare.

Adesso si aprono nuove prospettive con il Family Act e l’assegno unico, che bisognerà vedere alla prova dei fatti.

Di questo e altro parla il presidente nazionale di Nuova Collaborazione, l’avvocato torinese Alfredo Savia in Quattro chiacchiere in famiglia, il format video pensato per comprendere meglio il mondo del lavoro domestico.

Vedi la puntata precedente

Visita il nostro canale youtube