Badante o colf con anziana signora

Coronavirus: da Cas.Sa.Colf 6 milioni di euro per integrare le prestazioni ai lavoratori domestici

Associazioni dei datori di lavoro domestico e sindacati insieme decidono di stanziare tramite Cas.Sa.Colf 6 milioni di euro a sostegno di colf, baby sitter e badanti regolari. Scende in campo la bilateralità nel lavoro domestico in attesa del varo del prossimo Decreto Legge che disporrà misure ad hoc di supporto ai circa 860mila lavoratori regolari del comparto dei servizi esclusi dal sostegno al reddito disposto dal Cura Italia per fronteggiare gli effetti della pandemia.

Più prestazioni sanitarie integrative

Le Parti Sociali firmatarie della contrattazione nazionale di settore, i sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl, UIltucs, Federcolf e le associazioni datoriali di settore Domina e Fidaldo (costituita da Nuova Collaborazione, Assindatcolf, Adld e ADLC), hanno deliberato uno stanziamento pari a 6 milioni di euro in prestazioni integrative. Saranno erogate attraverso la cassa di assistenza sanitaria integrativa di settore Cas.Sa.Colf con decorrenza dal 1° gennaio 2020.

I destinatari

Beneficiari delle prestazioni sono tutte le lavoratrici e i lavoratori iscritti alla bilateralità del settore domestico (cioè colf, badanti e baby sitter in regola negli ultimi due trimestri con il pagamento del contributo alla Cas.Sa.Colf versato insieme alla contribuzione Inps).

I dettagli dell’offerta sanitaria sono illustrati sul sito web della cassa sanitaria www.cassacolf.it e tradotti in diverse lingue per rispondere alla multiculturalità presente nel comparto: la componente italiana rappresenta solo il 28,6% con una forte presenza di lavoratori stranieri e immigrati e per circa il 90% donne.

Le indennità

In aggiunta a quanto messo a disposizione a titolo di indennità Covid-2019 mediante la convenzione con Unisalute, Cas.Sa.Colf erogherà un’ulteriore indennità di 40 euro per massimo 14 giorni ai lavoratori che hanno figli minorenni conviventi, e lo stesso importo anche a chi è assoggettato a regime di isolamento domiciliare e rimborserà le spese sostenute per l’acquisto di materiale sanitario per un importo massimo pari a 200 euro. In caso di visite mediche domiciliari o extra domiciliari la Cassa comparteciperà alle spese con un rimborso pari sino a 100 euro. 

Un aiuto concreto alle famiglie

La Cassa erogherà inoltre un importo di 200 euro a titolo di una tantum, ai lavoratori e alle lavoratrici (colf, badanti e baby sitter) aventi prole convivente,  a sostegno delle spese riconducibili alla genitorialità, dall’istruzione ai bisogni primari dei figli fino al compimento del diciottesimo anno di età. Riconosciuto anche un sostegno psicologico con un importo pari a 400 euro. Per le Parti Sociali «si tratta di un supporto concreto destinato ai lavoratori domestici per fronteggiare gli effetti della crisi sanitaria ed economica generata dalla pandemia».

L’appello ai decisori pubblici

«Il nostro auspicio – sostiene una nota congiunta delle Parti Sociali – è che l’atteso Decreto Aprile disponga, così come anticipato dal Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, misure ad hoc che sanciscano il superamento della discriminazione operata con il Decreto Cura Italia con l’esclusione dei lavoratori domestici tra i destinatari degli ammortizzatori sociali dedicati a fronteggiare l’emergenza». Le Parti ribadiscono «l’urgenza di rafforzare l’intervento normativo verso l’inclusione di intere platee di addetti che sono rimaste fuori dal provvedimento, tra cui i lavoratori domestici, categoria tra le più fragili  del mercato del lavoro italiano esclusa dalla tutela del reddito e dal divieto di sospensione dei licenziamenti».